Il Governo Giallo-Verde salva la Banca Carige

Reading Time: 2 minutes

Alle 21 di lunedì sera è stata presa a sorpresa una decisione: il Governo ha deciso di intervenire per poter salvare Carige, la banca che, già da tempo, verteva in profonda crisi. Il Consiglio è stato di breve durata e non è stato accompagnato da una conferenza stampa ma solo da un comunicato.

Il salvataggio avverrà  offrendo garanzie pubbliche sulle future emissioni di obbligazioni da parte di Carige e su un’eventuale richiesta di ulteriore liquidità a Banca d’Italia. Non si esclude la nazionalizzazione della banca che potrebbe avvenire tramite la “Ricapitalizzazione precauzionale”.

LEGGI ANCHE: Reddito di Cittadinanza: richiesta dal 1 Marzo

Ma questo cosa significa? Significa che se la banca chiederà in futuro dei soldi in prestito sia ai mercati che alla Banca d’Italia, lo stato metterà una garanzia pubblica su quei prestiti e li rimborserà se Carige non dovesse riuscire a farlo.

Al riguardo, non si è fatta attendere la dichiarazione dell’ex Premier Matteo Renzi che si è espresso in questi termini:

Salvini e Di Maio si devono vergognare per quello che hanno detto per anni e anni contro di noi. Si devono vergognare per le offese e gli insulti. Hanno truffato gli italiani raccontando storie non vere su di noi: sulla Tav, sulla Tap, sull’Ilva, sulle trivelle… Adesso persino sulle banche. E’ proprio vero, puoi ingannare qualcuno per tutta la vita e puoi ingannare tutti per una sola volta. Ma non puoi ingannare tutti per tutta la vita. Con la vicenda delle banche di ieri Salvini e di Maio devono semplicemente scrivere la parola vergogna.

Ma Renzi non è stato il solo ad esprimersi sulla vicenda della Banca Carige. Antonio Misiani, capogruppo della Commissione Bilancio a Palazzo Madama, si è espresso sui social: «La realtà ha quasi sempre la meglio sui pagliacci. Fino a ieri M5s e Lega hanno crocefisso il Pd accusandolo di aiutare le banche. Ieri hanno salvato Carige, la banca della città di Beppe Grillo. Bene. Ora, però, abbiano la decenza di chiedere scusa».

Maria Elena Boschi, spesso attaccata dal M5S, dice la sua su Twitter:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *