Glovo incorpora Foodora. 2000 riders senza lavoro

Reading Time: 2 minutes

Momento di tensione per circa 2000 riders del gruppo Foodora. Tra qualche mese infatti si concretizzerà la fusione tra la multinazionale spagnola Glovo e la tedesca Foodora. Per questo motivo si assisterà al licenziamento collettivo di 2000 riders. Sarà la prima volta in Italia.

Il problema risiede nel fatto che i fattorini non avranno i mezzi per potersi opporre: infatti Glovo non è obbligata ad assorbire i lavoratori della sua ex rivale. Avranno però libero accesso alla candidatura, che però avrà condizioni differenti rispetto a Foodora.

I fattorini, avendo un contratto come collaboratori autonomi, non assumono lo stato di dipendenti, per questo motivo quindi non vengono conteggiati nell’organico dell’azienda. Chiarito ciò, Glovo potrà farsi carico solo di chi è formalmente dipendente.

Foodora infatti dispone circa di 50 dipendenti, mentre sono circa 2mila i rider con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. I primi verranno tutelati, gli altri no. Il 48% di coloro che non collaboreranno più come rider sono per lo più studenti che cercano di arrotondare, il dramma sarà per coloro che fanno parte della seconda metà.

Dal punto di vista normativo quindi non si tratterà di un licenziamento collettivo, perché i riders non fanno parte dell’organico aziendale. Nonostante avesse da sempre una pessima reputazione lavorativa, Foodora ha offerto le migliori condizioni del mercato con retribuzioni che non variano a seconda dei voti ottenuti dai rider.

Glovo invece userà la formula di collaborazione occasionale e offre paghe che “dipendono dall’esperienza e dai feedback di ristoranti e clienti”.

Glovo si è dunque espressa in questo modo:

Foodora  rispetterà tutti i contratti in essere dei rider finora in forze continuando le attività. A seguito della chiusura del servizio di Foodora tutti gli ex rider Foodora saranno liberi di candidarsi come glovers, senza nessuna limitazione.

Sicuramente questa sarà una magra consolazione per tutti i rider che non potranno più avvalersi di questo lavoro per portare qualche soldo in più a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *